sabato 30 giugno 2012

Quando la memoria








E’ un sole che volge al tramonto
Quello che riscalda ogni fibra di me
Ogni pensiero celato
Che mi abbraccia l’anima
Con dentro l’attesa
Insopportabile
Tra un respiro e un altro

Smaglianti sorrisi prendono forma
Incredibili
Splendidi
Immobile io osservo

Cenerentola io
Di fronte ad una donna abbiente
Cenerentola io
Di fronte alla tua donna in abito nuziale
Di carne e sangue
Davanti al caminetto

Nulla da aggiungere – nulla
Solo un punto di unione
Per infiammare l’ultimo raggio
Contro un cielo che si va accendendo
Nella sera

Scintille morbide
Perforano lo sguardo
Quando la memoria sosta nei tuoi pressi
Nessun rimprovero
Solo questa onestà per arrivarti dentro 




asia

giovedì 28 giugno 2012

“Le piane alte ”




Attraverso la campagna umbra
Sotto di un cielo rovente – osservo le stoppie
E i grani maturi in attesa della mietitura
No – non è ancora terminata
La terra mostra i suoi gioielli
Girasoli ovunque – alcuni già in fiore
Altri – di un verde scuro
In contrasto netto con le bionde stoppie
Delimitano l’oro delle spighe


In lontananza il vecchio campanile
 - suona il mezzogiorno -
Echeggia
I suoi rintocchi mi vengono incontro
Malinconicamente prendo commiato
Malinconicamente


Sarò di ritorno stanotte
Rivivendo la tua solitudine
La foresta fossile
I boschi
Gli ulivi
La bianca strada di una volta


Sì - mi abbandonerò ai teneri ricordi
Rivivendoli
Non mi separerò mai dalle ginestre in fiore
Né dai papaveri
Non dalle care voci 


Confido nella sorte ancora
La guarderò con occhi svegli
Senza mai saziarmi di quel tempo
Anche se adesso sono più cagionevole...






fm

mercoledì 27 giugno 2012

*****




Questi pensieri bussano a te
Desiderano fare la tua conoscenza
Nonostante ti accertino qui
Nel confuso cogliere

Attimi di attesa
Lunga
Sofferta
Di fronte ad un pubblico distratto

Prima di te
Avevano a cuore l’Infinito
Ora - avvertono l’esigenza di nascondere quelle ricchezze
All’amabile consuetudine

La tua anima è altrove
Distante sempre
Loro ne ravvisano la fuga
Interrompendo qui i silenzi

Abituati a quella sorte miope
S’impegnano con le parole
In questa concretezza fatta di sogni
Immediatamente
Condividendone con te il peso
E quanto hanno di più caro
Accetti?




Scenari di un’anima che ama ripetersi

lunedì 25 giugno 2012

Passi silenziosi



Non le dimenticherò
Quelle altimetrie
Né la veduta erbosa dei colli
Meraviglie
Modestamente descritte da una matita silente

Panorami
Nelle vicinanze di un’anima
Trovata sulle rive del fiume
Ha un debole per i ricordi
Che accarezza tra le polveri del tempo

Facile percorso sempre nuovo
Rifiorente
Come il biancospino tra le rocce
Per ogni istante di vita
Si annuncia la nostalgia

Contributo modesto
Al magnifico quadro
Filtrato dagli occhi
Nel digradare lento dei colori
Resi evanescenti dalla memoria
Buonanotte giorno



fm

venerdì 22 giugno 2012

Fiori per te


 
No - non c’è conforto
Invano cerco quel sorriso
Nonostante le sue mani stringono ancora le mie
E le labbra accennino a qualche parola
Non c’è conforto - Qui prevale il dolore
Il mio limite

Continua il sottile scardinare
Perfetto - per un corpo già dolente
Vivace e senza tenerezza
L’avido dolore ti sottrae alla vita
Scevro di eleganza ti accompagna
Con espansione affamata
Ti possiede fedele - Perché?
Perché proprio a te? A noi?

Tra le tue sofferenze cerco la memoria
Attingendo all’esistenza
Alla nostra vita
Al lavoro
Al pensiero intimo
Alle profondità di cui tu ne andavi fiera
A quel sogno interrotto troppo in fretta
Già – troppo in fretta

Ho paura – penso a te – alla tua forza
Alle persone che  hai amate – che abbiamo amato
Penso a quel silenzioso mondo  che ci ricongiungerà tutti
Ma intanto – stringo a me quel vincolo

giovedì 21 giugno 2012

*****




Trasparentissima anima
E’ la tua ora
Perché l’affanno?
A sera inoltrata è terminato l’impegno
Ora - puoi costeggiare il ruscello
Dove più vellutata appare la sua erba


Ricusa la malinconia
Avvizzisce l'espressione lieta
Non rimuginare invano - laddove ti sentissi sola
Vaga senza luce fra i ricordi

E se - nelle ore a venire - ti sfiorasse il rimpianto
Ammira il chiaro di luna - il suo raggio amico
Che obliquo affonda
Nella selva nera



asia

lunedì 18 giugno 2012

*****




Lascia che questo pensiero ti sfiori dolcemente
Quasi fosse l’affettuosità del vento
Che nella sera si nasconde tra le chiome dei castagni
Qui è vivo a dispetto  dell’età – si fa bello
Sostando nell’anima
Si assicura una momentanea gaiezza
Nelle amare lontananze
Ti stringe a sé
Augurandoti ogni bene


No - non firmerò questo mio dire
Gli amici conoscono il mio stile
Conoscono il cuore
Lo sanno malinconico - Inquieto
Per tutto ciò che lo riguarda
Amante discreto nella sera
Fiducioso delle ore del giorno
S’incammina con una voce dentro


Ed è qui
 - in questo colle fiero -
Che bussa alle porte dell’estate che si annuncia calda
Accogliendoti nell’abbraccio
Nell’emozione più pura
Ti dona la carezza della musa


Abbondando nei silenzi
Velatamente
Nasconde ciò che le è più caro
Te




sd

sabato 16 giugno 2012

Anima




Ed è ancora anima
Efficacissima fonte per quest’affetto
Che non ha profili
Si evidenzia armoniosamente
Unendosi
Scorgendo negli spazi adiacenti alla tua
Un sollievo

Esprime così sentimenti reali
Avvolti da un velo sottile di malinconia
Contemplando le celesti avvenenze dell’universo
Si espande - Significando -



fm

venerdì 15 giugno 2012

La via dell’ osservazione





Quel qualcosa che dentro di te esiste
Che nelle tue stelle trova la sua origine
I segreti dell’infinito nel tuo essere
In un atomo
Un dono attraente


Un dono
Ereditato per tiranneggiare il tramonto
Ed io non ho più occhi
Né voce per parlare



fm


giovedì 14 giugno 2012

*****





Sei già qui
Patisce il grano sotto il temporale
Mentre la fioritura degli ulivi sembra risvegliarsi
Avvolta da nugoli di piccole creature alate
Sono di un bel verde – mi dicono che non sono dannose
E la loro è una vita breve


Sì sei già qui
Contemplo la tua faccia
Con occhi colmi di te
Mentre il pensiero si fa strada nell’insondabile me
Mi accompagni – mentre torni a occuparti dei fantasmi
Sei ancora qui - anche se non osi prendere forma
Perché?  Perché non osi?


Io non smetto di prestare fede ...




fm

martedì 12 giugno 2012

*****



E’ una necessità questo guardarmi dentro
Ubbidiente all’io che fertile torna all’esplorazione
Indistruttibili reciprocità lo accompagnano
Incrollabili in questa esistenza
Che appena può torna alla sua terra
Sola e a testa alta ne cura i fiori


La poesia lo precede di un passo
Pur non svelandosi sempre
Nell’insondabile esistere che prolungato nel tempo
Vive fedele - ascoltando i silenzi
Intrattenendosi spesso
Dimentica l’inesistente


Rinnovando consensi per quel segreto
Lasciandosi sfuggire ancora una stilla
Là – dove la rugiada più non brilla








fm

domenica 10 giugno 2012

*****




Sarò severa quanto basta
Non disprezzerò questo pensiero
Ho scelto questo strumento per arrivarti dentro
Per tratteggiare quel qualcosa che c’è in me
La rappresentazione sottile
Di una vita esercitata più al sacrificio
Al dovere - che alla vanità
All’ombra di un mondo che chiude ai sogni
Che affascina - nonostante tutto
- veste le apparenze -
Consegnandoci ai drammi


No – non avrò care le lodi
Rappresenterò i moti dell’anima
Evidenziandone le rughe
Potenziando i suoi sogni – con abilità
Muovendomi piumata nel tuo mondo
Cambiando pelle ogni giorno
Amando ogni colore



fm 

giovedì 7 giugno 2012

Colori nella notte







Per lungo tempo assaporerò
Il profumo della tua pelle
Qui – nelle ore della sera
Tra la solitudine del colle
E la chioma nuova dei castagni

 
Con occhi umidi rivolti verso l’alto
Deboli troppo perché guardino altrove
Fantasticano qui - su quella stella
Colori nella notte
Strumenti per anime vaganti

 
L’umidità penetra la pelle
La avverto nelle articolazioni
Mentre le labbra restano mute
L’anima scopre quel vantaggio
Percependo l’essenza
Stelle e sogni ci avvicinano
Continuamente



fm

mercoledì 6 giugno 2012

*****








Dai tuoi silenzi
Dalle passeggiate della tua anima
Estrapolerò per me
I significati più profondi

Traboccante di te
Visualizzerò del mare il bagliore
Le rocce limitrofe
Del piccolo porto
Ascolterò
La voce interrotta delle onde




fm






lunedì 4 giugno 2012

*****




   
Non ti sorprendere
Se volutamente ho scelto l’assoluto
Non tutti sono chiamati a esistere nel soffio
Amo i silenzi
Docilmente adeguata
Vivo di sensazioni

Osservo la vita con doveroso distacco
Non m’intimidiscono i disagi - Le negatività
Desidero di più di un vincolo stabile
Dalla difficile via d’uscita
Qualcosa di profondo per questa Donna

In fondo - l'io è l'anima - indivisibile
Solo la terra mi accompagna amica
Ed io ricambio appassionatamente
Ricercandone i profumi
I colori mutevoli
Le alture aspre

Quest’ultime osservate
Con praticante deferenza
E dalle quali ne traggo energia dinamica
Malinconie - tra i rami nell’aria
Nostalgie per quel profumo intenso
Che solo la terra sa regalare












domenica 3 giugno 2012

Non appassirà una rosa






Dov’è la tua anima?
Forse è troppo tardi per raggiungerla
O solo è troppo presto

Tenterò di non svegliarla
Se dorme - non si accorgerà nemmeno
Mentre se è desta - redigerò con lei un’unione
Un legame qualsiasi
Senza per questo cambiare la poesia in prosa

Salendo le scale cercherò che non vi sia luce
È dominante l’idea
Consapevole della complicità della sera
Accendo la spontaneità

Chissà – magari stanotte non appassirà una rosa


sabato 2 giugno 2012

*****




Indifferente - questo tenero ibrido
Umilia le piogge
Sfoggiando il suo vestito più bello
Per diritto alla vita
Alla giovinezza di un’alba
Riserva a noi il suo profumo

Ostentandolo senza risparmio
In questa tirannica primavera
Quale formale impegno
Con questa multicolore famiglia




fm