venerdì 26 ottobre 2012

Mai distanti...



Ho cercato invano di celare questa mia esperienza
Nessuna distanza fra me e l’io poetante
Nessuna maschera
Esibisco qui il mio paradiso
I segni di un’altra sofferenza
Nel rumore dei sogni - l’inutile sentire
Intrecciato tra sentimenti e memorie lontane

Soliloqui - ipotizzati dialoghi
Donano forza al  paesaggio
Alle giovanili memorie
Che – spontaneamente emergono
Mai distanti  e - mai sfumate
Predominano in quest’attitudine
Popolando paesaggi adiacenti
Quasi fossero familiarità nuove - perfette

Pretesto per arricchire l’anima
Testimone oculare di questo osservare
Piccoli possedimenti
Dell’infanzia – dell’adolescenza – dell’amore
Dispiegati qui - tra l’erba
Dove lo stesso vento si fa annunciare
Carezzando cespugli e crisantemi

Privilegio di pochi scorgere i suoi avvolgimenti
Che inseguono il tempo e le stagioni




fm

2 commenti:

damiano ha detto...

Ciao Asia, scrivi molto bene e con il cuore. Se hai del tempo ti invito a visitare il mio blog www.volinversi.blogspot.com.
A presto.

Asia ha detto...

Grazie Damiano, sono già passata da te formulando un mio pensiero.
Felice di averti ospite qui. Asia