venerdì 23 agosto 2013

Scorgo quel sogno...




Poche persone scorrono i miei versi
Anche se - qualcuna di loro - mi avvicina chiedendo
Intimidita - ringrazio e dico di non avere un nome importante
Spiego che con me ho un cielo infinito
E un’aurora sempre nuova da ammirare

 
Esita spesso questo pensiero - di fronte  a ettari di bosco
O dinanzi a delle campagne coltivate
Ulivi - vitigni e girasoli - conversano qui
Intrattenendomi spesso con il vento
Chiedo di quella memoria
Rendendogli onore

 
Felice di accarezzare i petali
 - di rimuovere il grigio delle nuvole -
Viaggia così in questo percorso
E quasi in contemporanea - scorgo quel sogno

 
Il Tuo



 
 

4 commenti:

DR ha detto...

Eh, ma tu sei la mia Emily...

ciao

Renoir

Asia ha detto...

"Prima che il giorno scomponga la sua perfezione" ti faccio raggiungere dal mio affetto.
Grazie Renoir, Emily è sempre nella mia testolina, se solo questo bastasse per raggiungerti, va bene così. La tua piccola emily.

damiano ha detto...

è sempre un piacere leggerti e scoprire ogni volta la profondità del tuo cuore.
un abbraccio.

Asia ha detto...

Grazie Damiano. E' un bel complimento quello che mi hai appena fatto. Grazie ancora. Asia